Archivio newsIndici&AzioniSenza categoria

FtseMib: quale il settore più importante per il trend?

Storicamente il principale indice borsistico italiano, il Ftsemib40 (ex Mib30, ex Comit), ha avuto una compnente bancaria predominante che ha segnato i successi e le cadute di valore nel tempo con rally rialzisti e sell-off gudati dal sistema di intermediari quotati. E’ amcora cosi? Dopo la crisi del 2008 i corsi azionari dellle banche italiane hanno perso moltissimo dai massimi con casi di oltre il 90% del valore dai top; allo stesso tempo alcuni gioielli el Made in Italy (vedi Bulgari) sono stati comprati o delistati. Chi è rimasto? Le ultime società ad entrare nei 40 titoli più importanti sono state la Juventus ed Hera. La situazione a fine febbraio, prima dell’ingresso di Hera e l’uscita di Brembo, a livello di macro settori era la seguente:

                                                              Società Capitalizz Media
Banks 7 76311 10902
Utilities 4 54049 13512
Oil&Gas 3 50322 16774
Automobilies & Parts 4 32606 8152
Industrial Good & Services 4 28933 7233
Insurance 4 27154 6789
Technology 1 9127 9127
Financial Services 3 8531 2844
Health Care 3 7089 2363
Personal & Household Goods 2 7016 3508
Telecomunications 1 5761 5761
Basic Resources 1 5477 5477
Food & Beverage 1 4746 4746
Construction &Materials 1 1192 1192
Travel & Leisure 1 440 440
Ftsemib40 e settori che lo compongono

Il peso dei bancari è sempre al primo posto ma è tallonato da vicino da utilities e Oil&Gas e, considerando il valore medio per società del settore, il podio si inverte: 1) Oil&Gas 2) Utilities 3) Banks. Negli ultimi 5 anni il Ftsemib è rimasto praticamente invariato (+3%) mentre il settore banks ha perso un  -44% e quello oil&gas -13% che sono stati controbilanciati dai servizi pubblici (utilities) +40% insieme all’altra metà del listino. In defintiva:

  1. Il settore bancario è vicino ai minimi degli utlimi 5 anni
  2. Le utilitities sono sui massimi degli ultimi 5 anni
  3. L’oil&gas è più o meno a metà strada tra max e min degli utlimi 5 anni
  4. Il ftsemib è un perfetto equilibrio di forze settroiali e registra un +3%

Le utilities performano bene perché sono titoli conservativi e perché scontano previsioni con tassi bassissimi (negativi) e per tempi molto lunghi. Nel trading e nell’investimento di portafoglio è fondamentale studiare anche il trend settoriale

Guido Gennaccari