Archivio newsIndici&Azioni

L’ inquietante perdita di identità del Ftsemib Italia

L’opera pittorica “Le inquietanti icone della propria identità perduta” rappresenta bene l’angoscia di un indice di Borsa che ha perso la propria identità di paniere bancario:  il Ftsemib. Gli Npl hanno dato il colpo di grazia alle banche italiane e l’indice principale Ftsemib, sui livelli del gennaio 2014, va meglio del settore bancario e del petrolio e si trova sugli stessi valori del natural gas gennaio 2014 considerando il cambio euro/dollaro.

Siamo ai livelli del 2014 perché il settore “Servizi Pubblici” ha bilanciato, insieme al settore “Brand Italy” (che rappresenta non solo il lusso e la moda del “Made in Italy”), la discesa di titoli petroliferi e bancari. Se le banche evolveranno verso nuovi modelli di business che aprano e favoriscano il finanziamento equity e fintech per  le imprese e le industrie italiane (riducendo il canale bancario e obbligazionario, nonché la presenza dello Stato nell’economia), insieme ad una politica di investimenti pubblici/privati in tecnologie, infrastrutture e capitale umano (formazione e cultura) allora potranno tornare in Italia i cervelli in fuga e si potranno attrarre gli investitori esteri insieme a lavoratori qualificati. Premessa: utilizzare la tecnologia per snellire e combattere oppressione fiscale, burocrazia e tempi/certezza della giustizia

Guido Gennaccari

info@tradingroomroma.it